Friday, 15 Oct 2021

Lesioni da fumo nell’apparato orale. Un’ottima alternativa: l’utilizzo dei device.

I device possono essere a sistema aperto o chiuso e permettono di togliere il calore: sono a tabacco riscaldato e non determinano combustione

 

 

“Nel corso del Congresso Nazionale ‘Innovazione tecnologica nel campo della diagnosi e della programmazione terapeutica’, tenutosi a Fiuggi lo scorso 14 settembre, si è parlato anche di lesioni del cavo orale”, sottolinea il Prof. Francesco Riva – Presidente C.O.C.I. “Lesioni maligne dovute a varie cause, in primis fumo e alcol eccessivo, ma anche lesioni dovute a traumi per radici o ponti incongrui. La nostra battaglia è quella di ridurre i decessi da fumo facendo smettere la dipendenza – cosa non sempre possibile perché i centri antifumo ottengono dei risultati non sempre performanti – viceversa utilizzando dei device che permettono di ridurre o abolire totalmente la combustione e il calore eccessivo. Abbiamo optato per questa soluzione – scelta difficile, poiché abbiamo sempre portato avanti una battaglia contro il fumo – per modificare il sistema e l’utilizzo del fumo della sigaretta normale. I device possono essere a sistema aperto o chiuso e permettono di togliere il calore perché sono a tabacco riscaldato e non determinano combustione. Chiaramente sarebbe meglio smettere di fumare del tutto ma dovendo scegliere meglio un device che 40 sigarette”.