Monday, 6 Jul 2020

Ginecologi in prima linea: quel focolaio ad Alzano Lombardo (BG)

ginecologi

Sono stati mesi terribili, per i ginecologi dell’Ospedale ‘Pesenti – Fenaroli’ di Alzano Lombardo (Bg). Durante l’emergenza Covid-19 le ostetriche, abituate a accogliere la vita, si sono ritrovate a dover assistere ammalati che alla fine, sono rimasti uccisi dal virus.

“Sono ricordi drammatici. Anche se l’epidemia è finita, e l’ospedale ha ormai dimesso tutti i pazienti precedentemente affetti a Covid-19, l’esperienza ci ha segnato per sempre e nulla tornerà come prima”. Queste le parole della dott.sa SILVIA VON WUNSTER – Segretario AOGOI Lombardia – Direttore unità operativa di Ostetricia e Ginecologia, Ospedale ‘Pesenti-Fenaroli’ di Alzano Lombardo. “Il mio ospedale è stato drammaticamente protagonista dell’epidemia, soprattutto a causa di quei due primi casi, scoppiati lo scorso 23 febbraio. Nei giorni successivi vennero chiusi i ricoveri, e successivamente la sala parto e il pronto soccorso ostetrico.

Un’esperienza devastante, per noi colleghi e operatori della sanità. Ci siamo dedicati tutti con grande dedizione all’ attività assistenziale dei malati e le mie ostetriche, abituate a accogliere la vita, si sono trovate ad assistere pazienti che alla fine non ce l’hanno fatta, tra queste la nostra preziosissima ostetrica Ivana Valoti, mancata il 15 marzo”. E conclude:

“Ora che il peggio è passato possiamo considerare questo iter, così forte e drammatico, un’occasione preziosa per effettuare qualche radicale cambiamento. E’ stato indispensabile infatti stringere un rapporto ancor più saldo con il consultorio del territorio riguardo l’assistenza alla gravidanza. Ci siamo abituati a rivestire ruoli diversi, rendendoci conto che siamo stati e saremo in grado di affrontare qualsiasi tipo di difficoltà.”

 

Guarda anche:

Nascere al tempo del Covid-19

Ginecologia Alzano

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *