Saturday, 15 Aug 2020

‘Il Battito del cuore’: Luca Carboni interprete per la prevenzione cardiovascolare

Cardiologia

Le visite specialistiche durante la pandemia di Covid-19, sono state per necessità posticipate, ma è assolutamente sconsigliato eludere i controlli. Telematica e social possono rivelarsi utili quando risulta difficile interagire con gli specialisti.

La lontananza forzata tra medico e paziente durante la pandemia da Coronavirus ha creato seri problemi, soprattutto in presenza di patologie subdole come quelle cardiovascolari, che necessitano di una prevenzione importante, tra controlli e cure che devono essere eseguiti periodicamente. “Si possono al limite rimandare” – commenta il Prof. Claudio Ferri – direttore U.O.C. Medicina Interna e Nefrologia-Ospedale San Salvatore (L’Aquila), “ma è assolutamente sconsiderato eluderne i controlli. Per superare questa difficoltà, noi specialisti ci siamo avvalsi della telematica. Abbiamo destinato due ore al giorno alle telefonate, anche video, per rispondere alle domande dei pazienti che richiedevano informazioni su tutte le patologie, dalle cardiologiche alle reumatiche o gastroenterologiche. Da tempo ci affidiamo anche ai social, che possono rivelarsi di grande utilità. “

“Un riscontro importante lo abbiamo sicuramente durante la campagna no profit ‘Il Battito del cuore’ promossa da Bayer, mirata alla prevenzione cardiovascolare. Un progetto di grande successo condiviso sui social, con una marcia in più: il cantante bolognese Luca Carboni, testimonial d’eccezione che, insieme ad alcuni medici, ha realizzato anche un bellissimo video clip per spronare i pazienti a rispettare i tempi delle visite”.

 

Guarda anche:

Infarto? sindrome coronarica

Il battito del cuore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *