Sunday, 11 Apr 2021

Linfomi, leucemie, mielomi + Covid-19: 37% dei pazienti è deceduto.

Linfomi

Linfomi ma non solo: pazienti emato-oncologici più a rischio di mortalità durante la pandemia. 198 pazienti con Covid-19 su 536 sono deceduti.

Oltre 33mila sono le persone che, ogni anno, nel nostro Paese ricevono una diagnosi di tumore del sangue, ma ben il 70% dei cittadini colpiti da tumore del sangue (linfomi, leucemie o mielomi) oggi guarisce.
Un risultato molto importante, raggiunto grazie a terapie sempre più efficaci, come le CAR-T. Ma dobbiamo continuare a curare questi pazienti – dicono gli specialisti – anche durante la pandemia. I trattamenti non possono essere interrotti.

Uno studio tutto italiano, promosso dalla Società Italiana di Ematologia (SIE) e pubblicato su “The Lancet Hematology”, ha evidenziato infatti un altissimo tasso di mortalità, pari al 37%, nei pazienti ematologici contagiati dal Covid-19 nel periodo dal 25 febbraio al 18 maggio 2020. Una percentuale 2,4 volte superiore rispetto a quella della popolazione generale che ha contratto il virus e ben 41,3 volte maggiore rispetto a quella dei malati ematologici osservata nello stesso periodo nel 2019.
L’immunodepressione provocata dalla malattia che interessa il midollo, l’organo che produce le difese immunitarie, espone i pazienti a maggior rischio di morte, se contagiati. Per questo, bisogna continuare a trattare e tutelare i pazienti. Tutti i potenziali contatti dei malati devono essere vaccinati contro l’influenza, per creare una gabbia di difesa.

Tra i tumori del sangue più frequenti vi sono i linfomi (13.182 nuovi casi di linfoma non Hodgkin e 2.151 di linfoma di Hodgkin, stimati in Italia nel 2020), le leucemie (7.967) e il mieloma multiplo (5.759). “Nello studio retrospettivo pubblicato su ‘The Lancet Hematology’ sono stati considerati non solo i tumori del sangue ma anche altre malattie ematologiche maligne, come le sindromi mielodisplastiche” – sottolinea il Prof. Francesco Passamonti, Ordinario di Ematologia all’Università dell’Insubria di Varese e Direttore Ematologia ASST Sette Laghi di Varese. “Su 536 pazienti con malattie ematologiche e contagiati dal Covid-19, 198, cioè il 37%, sono deceduti. Una percentuale altissima. Inoltre, il tasso di mortalità standardizzato, che indica il rapporto fra la mortalità del malato ematologico con Covid rispetto a quella della popolazione generale italiana colpita dal virus, è risultato 2,4 volte superiore”.

Guarda anche:

Cellule killer del sangue
Siematologia
Settelaghi