Tuesday, 29 Nov 2022

Pandemia da Covid-19 e bambini stressati. Come parlarne in casa?

Pandemia

Pandemia che perdura e confinamento stanno ulteriormente stressando bambini e adolescenti. Troviamo il modo di parlarne con serenità.

La crisi legata alla Pandemia da Covid-19 ha enfatizzato un inevitabile stress emotivo e psicologico a carico di bambini e adolescenti, aggravato anche dall’esposizione mediatica a notizie ed immagini che minacciano il loro senso di sicurezza e fiducia. Nonostante i bambini abbiano una buona capacità di adattamento, il perdurare della pandemia comporta continui cambiamenti nelle loro abitudini, ed alza il livello di tensione all’interno delle famiglie. Lo stesso vale per gli adolescenti, che si trovano a vivere un isolamento sociale forzato.

“Dobbiamo saper riconoscere precisi segnali – spiega la d.ssa Fabiana Cristina, Psicologa – Docente di Filosofia, Psicologia e Scienze dell’educazione – quali irritabilità, aggressività, disturbi del sonno, dell’appetito, ansia e paure generalizzate. All’interno dei nuclei familiari può anche succedere che i bambini e gli adolescenti possano risentire dei livelli di tensione e di malessere da parte dei genitori. Bisogna quindi spiegare la situazione ai piccoli, senza la mediazione della bugia, con un linguaggio e una comunicazione semplice, diretta ed adeguata all’età.

Naturalmente non bisogna eccedere nelle cattive notizie, prendere una sufficiente distanza e lasciar spazio invece a pensieri positivi, a progetti futuri quali le future vacanze, gli acquisti online, la condivisione e la preparazione di piatti o dolci.

È importante creare una nuova routine, delle nuove abitudini, perché i giovani hanno una grande capacità di adattamento”.

Guarda anche:

Effetti psicosociali dell’epidemia