Thursday, 23 Sep 2021

Giovani diabetologi pronti per il piano “Next Generation – PNRR”

Giovani

Giovani diabetologi messi alla prova durante la pandemia. Competenza e impegno in corsia e per selezionare la corretta strada in telemedicina.

La pandemia da Covid-19 ha colpito in tutto il mondo soprattutto le persone fragili, prevalentemente anziane, con malattie croniche come diabete e obesità, i soggetti in condizioni di vulnerabilità socioeconomica e isolamento sociale, mettendo in luce limiti e criticità del Servizio Sanitario Nazionale.

Per questo motivo, la sesta missione del PNRR – ‘Piano nazionale di ripresa e resilienza’ vede oggi stanziati 20,7 miliardi, dei quali 19,7 di risorse del Next Generation EU, destinati a rafforzare il nostro Sistema Sanitario intervenendo su due direttrici: lo sviluppo di una rete territoriale sempre più vicina alle persone e l’ammodernamento delle dotazioni tecnologiche del Sistema Sanitario Nazionale.

 

La diabetologia è la specialità medico-scientifica che più è pronta a raccogliere la sfida della Next Generation e del piano nazionale PNRR. Lo afferma il dr. Paolo di Bartolo, Presidente di AMD – Associazione Medici Diabetologi, a margine del Convegno “Diabetes & Health Next Generation” svoltosi a Roma il 7 Luglio 2021.

 

“La diabetologia è una delle discipline più digitalizzate, con servizi altamente elevati, già prima dello scoppio della Pandemia” – commenta Di Bartolo. “Oggi, parlando di ‘next generation’, la generazione futura è più che mai pronta a ‘trascinarci’ nella direzione richiesta dal PNRR. Durante il lockdown le persone con diabete non hanno potuto rivolgersi ai Centri per la consueta assistenza. Sono stati i giovani colleghi, i giovani diabetologi, ad ingegnarsi selezionando in due settimane le migliori procedure di telemedicina, definendo quindi un unico protocollo. Saranno loro a portarci nel futuro, trasferendo competenze ai diabetologi più ‘anziani’, a dare le corrette risposte che ci richiede il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza del Governo italiano”.

 

Guarda anche:

Telemedicina per il diabete
AEMMEDI.it