Thursday, 24 Jun 2021

NASCERE AL TEMPO DEL COVID-19

nascere

Le mamme vivono la maternità preoccupate per i timori del contagio mentre le partorienti Covid – positive, sono vittime dello stress, causato dall’ angoscia che il piccolo possa esser contagiato. Ma la vita, è più forte della pandemia.

La pandemia che ha travolto il mondo sta generando una situazione di stress globale, che va a colpire la psiche delle donne in gravidanza che temono di esser contagiate o di sviluppare la malattia, con gravi conseguenze sulla salute del nascituro. “In questi ultimi mesi, così complicati “- precisa la dott.ssa Anna Zilioli, ostetrica del gruppo GEO Gruppo Emergenze Ostetriche e coordinatrice sala parto all’ Ospedale di Seriate (BG) – “ci siamo dovuti riorganizzare mettendo a disposizione anche alcuni servizi di consulto on line di accompagnamento alla nascita, per offrire alle partorienti il meglio possibile. A noi operatori di sala parto è data l’opportunità di proteggere mamme e bambini al tempo del Covid -19 ma alla fine la vita prende sempre il sopravvento, e per alcuni attimi ci si dimentica o quasi, della pandemia”.

“Il modo più naturale per iniziare la vita” – continua la dottoressa, “è allattamento. Il virus non è mai stato trovato nel latte, nel liquido amniotico o nel sangue cordonale, e i bambini se pur con mamma positiva, nascono covid -negativi.

L’ allattamento è sicuramente una fonte di salute per il neonato. Le organizzazioni sanitarie nazionali e internazionali hanno dichiarato che anche le mamme affette da Covid-19 possano allattare, sia direttamente al seno che utilizzando il latte spremuto fresco, utilizzando tutte le regole e le precauzioni per evitare la trasmissione. Inoltre le sale parto sono state divise in hub e spoke con un’assistenza personalizzata per assistere le mamme affette da Coronavirus”.

Guarda anche:

Il contatto pelle a pelle alla nascita
Stili di vita in gravidanza
Alimentazione in gravidanza

Gruppo emergenze ostetriche
AOGOI
SIGO