Monday, 4 Jul 2022

Infermieri di ricerca. Premio Roche per la gestione degli studi e ricerca clinica.

Gli “infermieri di ricerca” sono i guardiani del buon esito degli studi clinici. Una figura professionale che ha bisogno di nuova e continua formazione.

Da 125 anni le attività di Ricerca e Sviluppo rappresentano per Roche un imperativo strategico, che si è tradotto in soluzioni concrete in grado di cambiare il corso naturale di diverse patologie gravi per le quali non esisteva una cura. La ricerca è nel DNA dell’Azienda, tanto che Roche investe mediamente il 20% del proprio fatturato annuo in attività di ricerca e sviluppo e nel 2021 ha investito in Italia 47 milioni di euro gestendo 249 studi clinici.

Come sottolineato di recente dal Presidente del Consiglio, Mario Draghi, la ricerca clinica “deve essere al centro della crescita dell’Italia”, e i fondi messi a disposizione dal Pnrr possono essere un’opportunità per investire in competenze e innovazione e valorizzare di più il capitale umano nel nostro Paese. Ma per mantenere un ruolo di competitività a livello europeo è necessario investire di più e su figure sempre più specializzate. A supporto della formazione continua di tali figure, Roche ha premiato 10 Enti vincitori della seconda edizione del Bando “Roche per la ricerca clinica – A supporto delle figure di data manager e infermieri di ricerca”.

Grazie al finanziamento ricevuto, i progetti vincitori potranno essere sviluppati per 12 mesi presso gli enti pubblici o privati di riferimento dai data manager e infermieri di ricerca, che avranno modo così di consolidare le proprie competenze per gestire al meglio gli studi clinici.

Guarda anche

DATA MANAGER E INFERMIERI DI RICERCA: DA “ROCHE PER LA RICERCA CLINICA” 300 MILA EURO PER 10 PROGETTI INNOVATIVI.

www.roche.it